Hard disk 2.5 10000 RPM – WD VelociRaptor

Gli appassionati dei pc portatili ad alte prestazioni avranno, molto probabilmente, sentito parlare della recente uscita di un hard disk da 2.5 pollici con velocità di rotazione dei piattelli a 10000 giri: il Western Digital VelociRaptor. Ma per quanto possa essere installato anche in un notebook grazie all’interfaccia SATA il WD VelociRaptor non è propriamente dedicato ai computer portatili.

Western Digital VelociRaptor 2.5

I nuovi hard disk Western Digital VelociRaptor da 2.5 pollici a 10000 giri, che possono avere un taglio da 150  GB ( WD1500BLFS ) o 300 GB ( WD3000BLFS ) entrambi con interfaccia SATA 2 e 16 MB di memoria cache, potrebbero essere gli hard disk per notebook più veloci in assoluto. Tuttavia, gli hard disk in questione non sono stati progettati per funzionare all’interno dei computer portatili.

La casa produttrice stessa nella pagina dedicata proprio al nuovo hard disk WD VelociRaptor 2.5″ 10000 giri specifica: “Non progettato per essere utilizzato in laptop o notebook”. Questo vuol dire che, benchè offra le migliori prestazioni sotto il profilo della velocità in lettura e scrittura e benchè il consumo richiesto da questa generazione di VelociRaptor risulti del 35% inferiore alla precedente generazione WD Raptor, potrebbe comunque non soddisfare i requisiti, in fatto di consumo di corrente, rumore e surriscaldamento, richiesti  in ambito mobile; aspetti da non trascurare quando si tratta di computer portatili. Inoltre, il WD VR 150 e il WD VR 300 hanno uno spessore di 15 mm anziche di 9 mm, cosa che può renderne impossibile il montaggio all’interno degli slot, presenti sui notebook, destinati ad accogliere gli hard disk da 9 mm.

In effetti la casa annovera l’hard disk VelociRaptor da 2.5″ a 10000 giri come un disco per blade server, sistemi ad alte prestazioni, workstation e server di fascia bassa. Pertanto, se pensate di provare questo velocissimo disco, verificate che sia possibile installarlo all’interno del vano hard disk del vostro notebook e, una volta installato, tenete sott’occhio tempi di autonomia e temperature di funzionamento.